Le Conferenze sonore.
“L'intonazione aiuta la vibrazione, chiusa nella parte più profonda e remota che è dentro di noi, a risalire alla luce sotto forma di Suono.”
__
__
__
__
__
__
__
__
Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 42

Giosuè Grassia

Giosuè GrassiaNasce a Napoli, laureato in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo (D.A.M.S) presso l’Università di Bologna (con una tesi in semiologia della musica con Gino Stefani), in Musica Corale e Direzione di Coro e Musica Elettronica presso il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella di Napoli. E’ stato docente nei conservatori di Musica di Avellino, Potenza, Palermo, Monopoli. Attualmente è titolare della cattedra di Esercitazioni Corali presso il Conservatorio Nicola Sala di Benevento, dove ricopre altri insegnamenti riguardanti aree disciplinari appartenenti alla musica elettronica: (composizione musicale elettronica, acustica e psicoacustica, sistemi e linguaggi di programmazione audio ed altri).
Da sempre i suoi interessi musicali spaziano in difformi direzioni: immediatezza ad unirsi ai più ineguali generi musicali – sperimentazioni e accostamenti di materiali sonori marcatamente molteplici. Già dalla fine degli anni settanta le sue opere, in collaborazione col teatro d’avanguardia, come compositore/ improvvisatore all’interno di una compagine sperimentale, sono trasmesse dal centro di produzione radio-Rai di Napoli. In quel periodo collabora con musicisti ai limiti dell’area jazz. Negli anni successivi è fondatore del (Sound Trance Connection’s), un gruppo di ricerca sugli effetti del suono, in particolare sulla capacità di attivare con il solo artificio sonoro stati alterati di coscienza attraverso la “trance sonora”. Questi screening lo hanno spinto a ri-cercare di continuo nuove e differenti modalità di espressioni sonore con esteso uso della voce come mezzo predominante. Successivamente riceve un riconoscimento dalla Min-on Concert Association (Japan) per il contributo lo sviluppo di un nuovo movimento musicale con l'obiettivo della creazione di pace e cultura.
Affascinato dai trattamenti col suono lo ha ottimizzato anche con un percorso terapeutico personale (ha al suo attivo oltre 700 ore di formazione presso la SIPI (Società Italiana Psicoterapia Integrata), sviluppando ricerche sulla percezione del suono e i suoi effetti. Lavora usando sistemi di sintesi del suono quali Csound, Max/Msp, Pure Data, Supercollider.
E’ autore di musiche elettroacustiche spesso anche con vocalist, coro e strumenti anche non convenzionali, di installazioni sonore e si adopera nella ricerca di materiali sonori di residuo lavorando e sperimentando, a tal fine, con particolari piastre microfoniche e strumenti di propria invenzione. Ha collaborato con i canadesi Joane Hetu e Jean Derome e più spesso con la contrabbassista francese Joelle Leandre. Le sue musiche sono spesso eseguite in Francia. E’ stato invitato al Festival International D’Artacusmatic per presentare una sua composizione durante la serata Horizòz Italie dedicata ai compositori italiani. Sempre in Francia ha partecipato più volte a vari festival tra i quali: Festival Radiophonique EPSILONIA.

Login